10 Dic

La pasta promuove la perdita di peso come parte di una dieta a basso indice glicemico

La pasta consumata nel contesto di una dieta a basso indice glicemico (IG) non contribuisce all’aumento di peso e comporta una modesta perdita di peso rispetto a una dieta a IG elevato.

“La pasta è un esempio importante di un alimento che è considerato un carboidrato raffinato ma ha un basso indice glicemico”, scrivono Laura Chiavaroli, PhD, dell’Università di Toronto, Ontario, Canada e colleghi.

“Le diete a basso indice glicemico possono comportare una maggiore riduzione del peso corporeo rispetto alle diete a elevato indice glicemico perché gli alimenti a basso indice glicemico hanno dimostrato di essere più sazianti e ritardano la fame e diminuiscono l’apporto energetico successivo”, aggiungono.

“[E] incoraggiare il consumo di pasta nel contesto di un modello dietetico a basso indice glicemico non causa danni e può persino portare a una perdita di peso spontanea”, ribadiscono gli autori dello studio.

Lo studio è stato pubblicato il 2 aprile 2018 su BMJ Open.

I ricercatori hanno identificato 32 studi che hanno coinvolto 2448 adulti che hanno valutato l’effetto della pasta sugli indici globali e regionali del grasso corporeo nel contesto di modelli dietetici a basso indice glicemico. Le misure del grasso corporeo globale includevano il peso e l’indice di massa corporea; le misure del grasso corporeo regionale includevano la circonferenza della vita, il rapporto vita-fianchi e l’adiposità del diametro addominale sagittale.

“Le analisi congiunte hanno mostrato che la pasta nel contesto di modelli dietetici a basso indice glicemico ha avuto l’effetto di ridurre il peso corporeo di -0,63 kg rispetto al controllo con IG più elevato
Le analisi aggregate supportano nuovamente un effetto benefico della pasta nel contesto di una dieta a basso indice glicemico sull’indice di massa corporea, dove l’indice di massa corporea è diminuito di 0,26 kg / m2 rispetto alle diete di controllo con IG più elevato.

La perdita di peso a 0,63 kg con la pasta consumata in un contesto a basso indice glicemico era simile tra i partecipanti alle prove della durata di meno di 24 settimane e quelli delle prove della durata di 24 settimane e più.
“Questa scoperta è di particolare rilevanza poiché molti studi dietetici sono riusciti a dimostrare la perdita di peso a breve termine, ma non a lungo termine”, osservano i ricercatori. Riconoscendo che la pasta può variare ampiamente non solo nella forma ma anche negli ingredienti e nelle tecniche di lavorazione.

Alla richiesta di commentare lo studio, Elena Philippou, PhD, assistente professore di nutrizione-dietetica, Università di Nicosia, Cipro, ha detto che “Il consumo di pasta come parte di una dieta a basso indice glicemico non porterebbe ad un aumento di peso e potrebbe anche contribuire a una leggera perdita di peso”.

Ciò potrebbe essere dovuto al fatto che il consumo di pasta come parte di una dieta a basso indice glicemico come la dieta mediterranea può avere un effetto positivo sull’aumento della sazietà, nonché possibili effetti benefici sul metabolismo del glucosio e dell’insulina, ha aggiunto, e quindi può aiutare a ridurre o prevenire insulino-resistenza e accumulo di grasso corporeo, in particolare grasso viscerale.
“Tutto con moderazione e come parte di una dieta sana a basso indice glicemico”, ha concluso Philippou.

Fonte: https://www.medscape.com/viewarticle/894883#vp_2

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *